Test del nuovo Shimano EP8: La prova sul campo con le prime risposte

Il nuovo motore Shimano EP8, come vi abbiamo raccontato il 31 agosto, è la nuova power unit sviluppata da Shimano Steps per equipaggiare le mountain bike elettriche più performanti andando a sostituire la serie E8000.

 

Shimano EP8 motore e-bike

 

Dopo aver spiegato tutte le caratteristiche del suo nuovo motore Shimano ci ha portato a Massa Marittima (GR) sui bellissimi sentieri dei Trail Brothers per darci l'opportunità di verificare sul campo se quanto promesso corrispondesse realtà.

 

Shimano EP8 motore e-bike Test Massa Marittima

 

Le domande alle quali rispondere erano numerose: silenziosità, potenza durata, insomma tutto quello che si chiede a un nuovo sistema di propulsione per bicicletta elettrica.

 

Abbiamo girato 2 giorni in sella a una nuova Merida eOne-Sixty da Enduro/Trail con 160mm di escursione e in versione Mullet (29er sull'anteriore, 27,5'' dietro), pedalando per circa 50 chilometri e 1.500 metri di dislivello complessivi.

 

Merida e-One Sixty

 

Un primo assaggio del motore che ci ha però permesso di darvi le prime risposte alle vostre domande.

 

Accendiamo il nuovo Shimano EP8 e partiamo. Le nostre risposte le trovate ascoltando il nostro video, se volete approfondire continuate con la lettura dell'articolo. 

 

 

 

LO SHIMANO EP8 É VERAMENTE SILENZIOSO?

VERO! Rispetto al vecchio E8000 il nuovo Shimano EP8 riduce sensibilmente la sua rumorosità. In modalità ECO e TRAIL il motore elettrico quasi non si sente mentre in BOOST lo si inizia a sentire quando su salite ripide si spinge forte sul pedale.

 

Test Shimano EP8 a Massa Marittima

 

Il "suono" del motore si avverte appunto in quelle situazioni in cui si fa molta forza sulle pedivelle e all'interno della drive unit i vari pezzi sono soggetti a sforzi supplementari. Mentre se si pedala senza forzare troppo, oppure se si sceglie correttamente il rapporto con cui progredire il rumore tipico dei motori elettrici da E-MTB è quasi assente.

 

LO SHIMANO EP8 É PIÙ POTENTE?

VERO! Il nuovo Shimano EP8 è nettamente più potente rispetto al suo predecessore E8000. La sua coppia è passata da 70 Nm a 85 Nm, un aumento sensibile che abbiamo avvertito soprattutto nella modalità TRAIL, che ora permette di uscire di curva in maniera più rapida ed immediata rispetto al modello precedente.

 

Motore Shimano EP8

 

Nonostante questo l'EP8 non perde le sua caratteristica di motore molto progressivo che non strappa in partenza e che rimane molto legato alla pedalata, ovvero con una risposta naturale del motore a quello che fa il biker.

 

Se il motore elettrico l'E8000 si posizionava all'ultimo posto in fatto di potenza viva, dobbiamo dire che il nuovo EP8 ha superato senza dubbio il concorrente Bosch Line CX Performance (provato su JAM² 6.7 NINE o sulla Focus Sam²), ma un gradino sotto al Brose Mag S (provato su Lee Cougan Quest-E 29).

 

Test Shimano EP8 a Massa Marittima

 

Anche nei tratti più ripidi noi ci siamo trovati a dover stare troppo avanzati sulla bici per evitare che la troppa potenza facesse impennare la bici, così come in discesa non dovevamo spegnere il motore per evitare che un "tocco" al pedale facesse scattare in avanti la bici nel momento sbagliato.

 

CHE DIFFERENZA C'È TRA IL MOTORE SHIMANO E GLI ALTRI?

A PianetaMTB.it, dopo gli ultimi test su e-bike, siamo arrivati alla conclusione che ogni motore corrisponde a un ben definito profilo di e-biker. Lo Shimano EP8 è un motore molto progressivo che conferma la filosofia che contraddistingue i giapponesi dagli altri produttori di motori elettrici per mountain bike, principalmente tedeschi.

 

Test Shimano EP8 a Massa Marittima

 

Quando si pedala su una mountain bike elettrica con pedalata assistita fornita da una power unit Shimano si ha una pedalata molto simile a quella naturale, dove il motore non si sostituisce alle gambe, ma le supporta e aiuta. Non si ha mai l'impressione di avere sotto la sella un cavallo che è pronto per partire al galoppo e una moto che è pronta a sgommare.

 

Shimano EP8 motore e-bike Test Massa Marittima


Non si hanno strappi improvvisi e nemmeno l'impressione di essere "trascinati" dalla potenza del motore. La sensazione è quella del motore che ci viene ad aiutare nella pedalata. Ecco perchè quando si pedala con una e-mtb dotata del motore EP8 è determinante sapere usare il cambio, come lo si usa su una bicicletta muscolare.

 

Non si può prendere una salita ripida con un rapporto da pianura, altrimenti nonostante il motore si è costretti a mettere piede a terra perché la bicicletta non avanza oppure bisogna spingere troppo forte sui pedali.

 

Test Shimano EP8 a Massa Marittima


Shimano ha seguito questa regola per creare un motore che andasse a migliorare la pedalata naturale, non a sostituirla. Infatti se inseriamo rapporti agili sentiamo il supporto del motore e facciamo poca fatica mentre se inseriamo quelli duri, c'è la spinta, ma sentiamo ben presenta anche la fatica.

 

Non a caso nelle sezioni in cui il terreno è particolarmente sdrucciolevole e difficile da gestire con un motore Shimano si sale meglio rispetto agli altri motori perché la ruota tende a slittare meno. Con gli altri motori che prediligono la potenza pura, molte volte ci si dimentica che la bici ha anche un cambio oppure ci si trova con la bici imbizzarrita perché ha scaricato a terra troppa potenza.

 

A MOTORE "STACCATO" C'È POCO ATTRITO?

Vero! Già il vecchio motore E8000 una volta superata la fatidica soglia dei 25km/h permetteva di pedalare senza troppi attriti, ma il nuovo EP8 ha migliorato ancora questa caratteristica. Non si sente quasi più l'attrito e si riesce a pedalare con un'ottima fluidità.

 

 

Per ottenere questo risultato Shimano ha dovuto riprogettare gli ingranaggi interni al motore e secondo loro la resistenza è stata ridotta del 36%. Non pensate che si pedali come con una bicicletta normale perché anche non avendo attriti nel movimento centrale, una volta usciti dal motore, si è sempre su una bici che oscilla tra i 20 e i 25 kg e da spingere con le proprie gambe non sono certo pochi, ma nel malaugurato caso in cui si terminasse la batteria almeno si riesce a pedalare con relativa facilità.

 

 

QUAL'È IL LIVELLO DI ASSISTENZA MIGLIORE? CHE DIFFERENZA C'È TRA I 3?

Sul display Shimano, che con il nuovo manubrio Pro Koryak E-Performance viene posizionato esattamente al centro dello stesso un po' come si fosse in moto, si possono selezionare tre livelli di assistenza: ECO, TRAIL e BOOST.

 

Manubrio PRO KORYAK E-PERFORMANCE

 

ECO è il livello base di assistenza, ideale per la pianura e sulle lunghe salite pedalabili quando si vuole risparmiare la batteria. Se nel guidato si cerca una risposta immediata dalla bici in uscita di curva ci si trova un po' seduti e in quel caso meglio utilizzare il TRAIL.

 

TRAIL è la funzione che nelle nostre due uscite abbiamo quasi sempre usato. Un po' perchè sapevamo di non aver problemi di consumo di batteria, ma anche perché è quella che permette di avere maggiore soddisfazione durante la guida. In pratica la power unit, in base alla nostra spinta sul pedale, decide quanta potenza erogare e quindi quale livello di assistenza è necessario al nostro riding.

 

 

Detto in parole povere: se il motore "sente" che stiamo spingendo tanto dona maggiore potenza, se stiamo spingendo poco ne dona meno. Questo, unito alla naturalezza del sistema Shimano EP8, rende il riding in Trail quanto più vicino alla pedala su una bicicletta muscolare. L'abbiamo trovata utilissima sui sentieri stretti di Massa Marittima dove si "gioca" tanto con la bicicletta e si esce molto spesso da curve lente rilanciando il mezzo.

 

BOOST è il classico di Shimano ovvero è la potenza giusta per riuscire a scalare strappi ripidi, ma non è un acceleratore che ti trascina e ti fa sgommare. Molto fluido e regolare, ci piace proprio perché permette di essere utilizzato anche su fondi in cui si ha poca trazione senza che la bicicletta si impenni o perda il controllo al posteriore.

 

Tutti questi livelli di assistenza possono essere modificati e personalizzati attraverso la app E-TUBE PROJECT. Scegliete tra 10 livelli di servoassistenza, 5 livelli di servoassistenza in partenza oppure selezionate la coppia massima più adeguata. Salvate le vostre preferenze come due profili differenti e selezionatele facilmente tramite il display in caso di passaggio dalle impostazioni urbane a quelle trail per il weekend.


QUANTO DURA LA BATTERIA?

La risposta reale ed empirica a questa domanda l'avremo solo quando avremo la possibilità di provare con calma una e-mtb equipaggiata con motore Shimano EP e batteria BT-E8036, quella da 630 Wh. Abbiamo un protocollo... ovvero pedalare su un nostro giro test fino ad esaurimento batteria, solo così possiamo dire che con una carica abbiamo fatto TOT km e TOT metri di dislivello in tale modalità.

 

 

Ricordiamo che la durata di una batteria dipende da diversi fattori: tipo di terreno, peso della bicicletta, peso del rider (70kg il nostro tester) e il suo stato di preparazione atletica.

 

Detto questo la nuova batteria ha una maggiore capacità di accumulo dell'energia rispetto al vecchio modello da 500 Wh. Dal test di Massa Marittimo possiamo estrapolare i seguenti dati: abbiamo pedalato per 43 km e 1.300 metri di dislivello consumando 3 tacche della batteria, pedalando principalmente in modalità Trail. Il che andrebbe a confermare quanto detto da Shimano, ovvero una durata stimata tra i 70 e gli 80 km per un utilizzo MTB reale... e i sentieri disegnati dai Trail Brothers sono da VERA mountain bike, provare per credere.

 

SI SENTE UN RUMORE DI PARTI CHE SI MUOVONO?

VERO IN PARTE! Se avete letto altre recensioni del nuovo motore Shimano EP8 sicuramente sapete di cosa stiamo parlando. In tanti hanno segnalato che l'EP8 nelle fasi di discesa o quando si avanza a pedali fermi produce dei rumori interni come se gli ingranaggi ballassero e si toccassero tra loro.

 

Test Shimano EP8 a Massa Marittima


Quando siamo arrivati Massa Marittima avevamo già letto alcune recensioni e quindi una delle prime cose che il nostro orecchio ha cercato è stato proprio quel rumore. Sulla Merida eOne Sixty l'abbiamo notato qualche minuto dopo essere partiti, in un tratto scorrevole su sentiero in cui non stavamo pedalando, in effetti il rumore si sente, come una sorta di ticchettio interno, un po' come quando si ha la catena leggermente lasca e la si sente sbacchettare contro il telaio.

 

Merida eONE Sixty

 

Ne abbiamo subito parlato con gli altri giornalisti presenti e alcuni ci hanno detto di averlo avvertito, altri di non aver sentito nulla. Abbiamo poi parlato anche con altri colleghi italiani e anche loro hanno dato risposte contrastanti, chi lo avvertito e chi no.


Siamo quindi giunti alla conclusione che quel rumore sia presente, ma che dipenda molto dal telaio su cui è montato lo Shimano EP8. Altra cosa è che noi lo abbiamo avvertito proprio perché siamo andati a cercarlo con l'orecchio, ma nelle situazioni in cui eravamo concentrati sulla guida non lo avvertiamo.

 

Motore elettrico Shimano EP8


Due giorni di test non sono certo sufficienti a dare tutte le domande su un sistema interessante e avanzato come lo Shimano EP8. Speriamo di avere presto una bici da mettere sotto torchio a lungo... nel frattempo se avete domande a riguardo non esitate a porcele.

 

INFO 

www.shimano-steps.com/e-bikes/italy/it

 

 

Photo: ©Dan Milner - ©Irmo Keizer 

Altre News