La Wilier 110FX usata da Johnny Cattaneo alla Cape Epic ha "la coperta più lunga"

Insieme al top rider bergamasco siamo andati a vedere nel dettaglio come è montata la loro full. C'è tanto made in Italy, con la cassetta General Lee di Leonardi Factory "abbiamo la coperta più lunga".

Da Elgin in Sudafrica, dove presso la Oak Valley Estate è stato allestito il campo base della terza tappa della Cape Epic, il team Wilier 7C Force ci ha fatto avere dei bellissimi scatti che Josue Fernandez Photography ha fatto alla Wilier 110FX.

 

Wilier 110 FX Cape Epic

 

Noi abbiamo ne abbiamo parlato con Johnny Cattaneo che sta correndo insieme al colombiano Luis Mejia. Il bergamasco ci ha fornito alcune interessanti indicazioni sulla loro trasmissione e sulle gomme.

 

 

 

MASSICCIA PRESENZA DEL MADE IN ITALY GRAZIE A LEONARDI FACTORY, CON IL GENERAL LEE HANNO "LA COPERTA PIU' LUNGA" 

Sulla Wilier 110 FX che la squadra sta usando in Sudafrica c'è tanto Made in Italy grazie ai numerosi componenti che sono forniti da Leonardy Factory.

 

 

Partiamo dalla famosa cassetta General Lee che ha il 9-48t (9,11, 13, 15, 17, 20, 23, 27, 31, 35, 41, 48) - "Abbiamo la coperta più lunga. - dice scherzando Cattaneo - Alle basse velocità su salite dure siamo un pelo più agili rispetto a Eagle, come sulle alte velocità abbiamo una punta più alta. Montando una corona di 2 denti più piccola sull'anteriore rispetto al montaggio completo con il gruppo SRAM."

 

 

Poi ci sono le parti tuning del deragliatore. La gabbia cambio GUS, le pulegge Max Speed che permettono di migliorare la scorrevolezza del cavo e migliorano il feeling della cambiata. Pure il perno passante è di Leonardi Factory.

 

 

Se andiamo invece ad analizzare la guarnitura, nella fotografia in alto notiamo che la corona è la Gecko con 32 denti ma il team utilizza anche quella con 34t. Nell'immagine in basso invece si vede che sulla sua bici Johnny Cattaneo ha montato anche il guida catena Rosco (32 gr). La scelta se montarlo o no è soggettiva, dipende dal singolo rider.

 

 

RITCHEY, SRAM, SHIMANO

Sulla Wilier 110 FX attacco manubrio, piega (con manopole Redmonkey) e tubo sella sono marchiati Ritchey.

 

 

 

Le sospensioni sono Fox, trasmissione SRAM XX1 Eagle, mentre i freni e i pedali sono giapponesi, il top di casa Shimano, gli XTR.

 

RUOTE ITALIANE MICHE

Anche quest'anno le ruote sono fornite dalla trevigiana Miche, sono sempre le K1 che hanno il cerchio in carbonio 3k, con profilo asimmetrico, alto 26mm, con il canale interno da 27mm, 24 raggi e mozzi realizzati internamente dall'aziende che utilizzando cuscinetti SKF. Indicativamente pesano sui 1.330 grammi.

 

 

Su questo set di ruote la squadra monta gomme Vittoria, Cattaneo nell'ultima tappa ha scelto le Mezcal ma ha a disposizione anche le Gato. "Non monto mousse, usiamo liquido sigillante Squirt che è molto denso (80 ml), inoltre ci tengo a precisare che sul posteriore montiamo il Mezcal Graphene 2.0."

 

 

NIENTE ASSISTENZA, QUINDI I RIDER DEVONO ARRANGIARSI

Vedere una borsa porta attrezzi sotto la sella di un rider agonista capita solo alla Cape Epic, questo perchè il regolamento vieta l'assistenza da parte delle squadre. Per questo motivo i concorrenti partono attrezzati, non si sa mai cosa può succedere durante la tappa.

 

 

Basta guardare le bici del team Wilier 7C Force nella zona della sella Selle Italia. Sotto alcuni rider hanno montato la borsa porta attrezzi di Force in edizione limitata. Non è il caso di Cattaneo, come avrete notato nella foto che avete visto nel punto dove si parlava di guida catena, si nota chiaramente che il bergamasco preferisce legare tutto al telaio con lo scotch (bombolette varie, attrezzi, camere d'aria, etc, etc).

 

 

Tutti però utilizzando degli appositi collarini di KCMC hanno attaccato al tubo sella Ritchey un secondo porta borraccia Elite (anche a sgancio laterale), indispensabile quando si corrono tappe di 90/100 chilometri. 

 

Altre News