Cannondale: Bike check alla Scalpel Si usata da Avancini e Fumic alla Cape Epic

Il giorno dopo la conclusione della gara a tappe più importante del mondo siamo andati a vedere la full usata dal brasiliano e quella del tedesco. Non sono uguali, c'è una importante differenza.

L'unica squadra che quest'anno alla Cape Epic è riuscita a mettere un po' di paura a Nino Schurter e Lars Forster è il Cannondale Factory Racing. La squadra formata dal campione del mondo marathon, il brasiliano Henrique Avancini e da "Mannie", il campione di Germania cross country Manuel Fumic. I due mercoledì erano riusciti a ribaltare la classifica, poi però alla fine di otto giorni di gara, sono saliti sul secondo gradino del podio. 

 

 

Per la Cape Epic Cannondale ha messo a loro disposizione un telaio verniciato di bianco nella parte superiore mentre quella inferiore è rimasta color carbonio naturale.

 

 

Partiamo dall'analisi della Scalpel Si di Manuel Fumic che ha un montaggio standard. Dalle immagini si capisce che si sono consolidate le partnership con gli sponsor, la componentistica apparentemente sembra uguale a quello dell'anno scorso.

 

 

Forcella Lefty Ocho Carbon, ammortizzatore Fox Float Factory DPS EVO, trasmissione Shimano XTR M9100 a 12 velocità con cassetta 10-51t, giapponesi sono anche i freni e i pedali, sempre della serie XTR. Sulla guarnitura si nota la presenza del guida catena.

 

 

Da quest'anno la collaborazione con Shimano si è allargata anche all'abbigliamento, i top rider del Cannondale Factory Racing indossano completi della linea S-Phyre e le inconfondibili scarpe blue elettrico S-Phyre XC9.

 

 

L'altro importante partner tecnico da diversi anni è l'americana Enve, da Ogden nello Utah, vengono spediti al quartier generale della squadra che ha sede in Germania: attacco manubrio, piega, tubo sella da 31.6mm e ultimo ma non meno importante, il set di ruote M525. Queste ultime hanno il cerchio in carbonio con profilo e canale interno da 25mm.

 

 

Su queste ultime sono state montate gomme tedesche da 29x2.25'', le Schwalbe. Alla Cape Epic Avancini e Fumic avevano sull'anteriore una Racing Ralph mentre per il posteriore avevano optato per una Thunder Burt, entrambe con la mescola Addix Speed, quella contraddistinta dal colore rosso. 

 

 

SOLO AVANCINI HA USATO IL TELESCOPICO

Apparentemente le Cannondale Scalpel di Avancini e Fumic sembrerebbero uguali ma l'occhio dell'esperto va a finire subito sul reggisella. Solo il brasiliano monta il telescopico Lev di Kind Shock (KS).

 

 

EQUIPAGGIAMENTO SPECIALE PER LA CAPE EPIC

Alla Cape Epic il regolamento che proibisce l'assistenza tecnica da parte delle squadre ed il clima estremamente caldo sono due fattori che influenzano le scelte tecniche di squadre e rider.

 

 

Guardando il telaio della Scalpel Si del Cannondale Factory Racing si nota che è stato montato anche il secondo porta borraccia in carbonio Cannondale Carbon Speed C-Side Load Cage ma nonostante ciò e nonostante i 3 water point che c'erano in ogni tappa, Manuel Fumic e Henrique Avancini si sono distinti da tutti gli altri per aver corso la Cape Epic utilizzando lo zaino idrico Outlander 2 con capacità di 1,5 litri, prodotto dalla svedese Uswe.

 

 

Infine come molte altre squadre, in caso di gomma a terra a causa di grossi fori che il lattice non riesce a chiudere, come tappi, inseriti all'interno del manubrio c'erano i due attrezzi (punteruolo e attrezzo per inserire il "vermicello") del kit antiforatura Sahmurai S.W.O.R.D., quello inventato dal tedesco Stefan Sahm.

 

 

 

Photo ©Michele Mondini

Altre News